Login
Pubblicato da
Claudio Alessandri
il 17 marzo 2017

Mostra “CHISCIOTTI NEL MONDO” Organizzata da: Instituto Cervantes PALERMO

23 marzo – 19 maggio 2017 Instituto Cervantes di Palermo Via Argenteria Nuova 33 Comunicato stampa.

23 marzo – 19 maggio 2017
Instituto Cervantes di Palermo
Via Argenteria Nuova 33
Comunicato stampa.

L’Instituto Cervantes inaugura la mostra “CHISCIOTTI NEL MONDO”, CON 57 EDIZIONI IN 40 LINGUE. La mostra è un omaggio alla presenza universale del Don Chischiotte e ai traduttori che hanno contribuito a rendere quest’opera un riferimento della letteratura spagnola nel mondo.
L'Instituto Cervantes di Palermo inaugura, il prossimo 23 marzo alle ore 19:00, la mostra “Chisciotti nel mondo” che mostrerà al pubblico 57 edizioni del Don Chisciotte della Mancia, in 40 lingue, per la prima volta riunite in una mostra eccezionale i cui testi provengono dalle 60 biblioteche che l’Instituto Cervantes ha in tutto il mondo.
Si vuole così rendere omaggio alla presenza universale del romanzo di Cervantes e ai traduttori che, in 400 anni, hanno fatto del Don Chisciotte uno dei libri più pubblicati in tutte le lingue e un riferimento mondiale della letteratura spagnola. La mostra presenta anche edizioni dell’opera per bambini, un’edizione in Braille, un'installazione audiovisiva con frammenti letti in 28 lingue, un film di Javier Rioyo e quattro adattamenti cinematografici.
La diffusione del Don Chisciotte è mondiale: si tratta di un’opera che dal 1612 è stata tradotta, integralmente o parzialmente, in più di 140 lingue e varietà linguistiche differenti, ed oggi continua ancora ad essere tradotta in nuove lingue. Sarà presente all’inaugurazione il curatore José Manuel Lucía Megías, vice decano e professore di filologia romanza presso l'Università Complutense di Madrid, presidente dell'Associazione dei Cervantisti e coordinatore accademico del Centro per gli Studi su Cervantes.
La mostra spiega perché così tante lingue e culture si sono avvicinate a quest’opera, tanto da renderla una delle più tradotte al mondo (la seconda dopo la Bibbia, secondo alcune tesi); ci spiega il motivo per cui ha trionfato fin dai primi anni, e come Gustavo Doré e tanti grandi pittori hanno illustrato le avventure di Don Chisciotte e Sancio Panza, segnando l'immaginario collettivo chisciottesco.
I libri esposti provengono esclusivamente dalla rete delle biblioteche dell’Instituto Cervantes, che conservano una delle collezioni più complete di Don Chisciotte in diverse lingue, e che ora per la prima volta viene mostrata al grande pubblico. Anche il resto dei materiali proviene dal Cervantes e gli stessi contributi audiovisivi sono stati prodotti dall'Instituto. “Chisciotti nel mondo” è un riconoscimento del lavoro dei traduttori, figure essenziali per la diffusione della letteratura in paesi che non condividono la stessa lingua. Senza la loro mediazione, il Don Chisciotte non avrebbe mai raggiunto una tale ripercussione mondiale.
Testo, voce e tatto
Oltre alle pubblicazioni a stampa, il visitatore avrà la possibilità di ascoltare come oggi “suona” il Don Chisciotte in circa trenta lingue. L'Instituto Cervantes ha ripreso in video molti lettori delle sue biblioteche mentre leggono il frammento "La definizione della poesia ', nel capitolo 16 della seconda parte del Don Chisciotte.
L'installazione audiovisiva consente di ascoltare l’opera in lingue come il bengali, il polacco, l’arabo, l’hindi, il tagalog o il turco. Lo spagnolo della Spagna ha la voce di Victor Garcia de la Concha, mentre lo spagnolo dell'America Latina è rappresentato da Alicia Mayer, direttore del Centro Studi Messicani della UNAM a Madrid (il Messico è stato il primo paese dell'America Latina dove fu pubblicato il Don Chisciotte). Sono anche rappresentate le lingue co-ufficiali della Spagna: il catalano, il basco e il galiziano.
Anche i ciechi potranno accostarsi al testo e leggerlo attraverso l’edizione in Braille:  in mostra sarà esposto 1 dei 17 volumi di 120 pagine pubblicato nel 2004 da ONCE.
Il cinema ed i bambini
Le avventure del Don Chisciotte si sono accostate ad altri linguaggi artistici, tra cui il cinema. La mostra dedica ampio spazio agli adattamenti cinematografici: sarà proiettato il film “Don Chisciotte cavalca nel cinema”, diretto da Javier Rioyo, attuale direttore dell'Istituto Cervantes di Lisbona e saranno esposti quattro poster ispirati al romanzo e realizzati in epoche diverse.
Gran parte delle traduzioni sono state adattamenti per bambini e per giovani: i futuri lettori di Don Chisciotte sono stati un importante motore dell'industria editoriale e della diffusione dell’opera di Cervantes in tutto il mondo. 
La mostra, che rimarrà aperta dal 24 marzo al 19 maggio, dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 18:00; venerdì dalle 10:00 alle 12:00, è ad ingresso gratuito.


Per ulteriori informazioni contattare:

Marialaura Cascio, Instituto Cervantes Palermo
Via Argenteria Nuova 33

Tel. 091 8889560 cultpal@cervantes.es
 

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti

Following

Followers


politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved