Login
pagina 1 di 2

"Utilizzo colori acrilici, diluiti ed a strati."

Tecniche per l'arte - Aperto da: 0 - 07.04.2017 13:22
post visto 1615 volte
Utente disattivato
#265727 07.04.2017 13:22

Buongiorno, sono un nuovo membro del forum.
Ho deciso di scrivere in quanto interessato all'avvicinamento ai colori acrilici; essendo per me un argomento del tutto nuovo ho preferito chiede qualche consiglio ad esperti.
L'ambito di utilizzo sarà per fumetto ed illustrazione, su superficie cartacea.

Riporto qualche esempio della tecnica alla quale vorrei avvicinarmi:
https://www.youtube.com/watch?v=1e3rXuvM7nI
In questo caso, a detta dell'artista, il materiale utilizzato è ecoline e acrilici. In generale però, nelle sue tavole utilizza una tecnica mista di acrilici, colori ad olio e altro, mai precisato.

Tralasciando il fatto della tecnica mista, si riuscirebbe con gli acrilici a lavorare in questa maniera, cioè partendo da una prima campitura piatta di colore diluito, molto leggera, per poi lavorare a strati , aggiungendo ombre e luci?
(io attualmente uso un metodo simile per lavorare con le matite colorate)

Qui altri esempio (comunque si trovano diversi video sul canale)
https://www.youtube.com/watch?v=_FDgvLKwbVc&t=255s
https://www.youtube.com/watch?v=VdiznxZOS_Y
https://www.youtube.com/watch?v=5cM3Hye5uZE
https://www.youtube.com/watch?v=Fpy-n59x4bU (qui verso la fine lavora anche sullo sfondo)

Qui invece è proprio pittura, e penso che quell'alone in basso rosso sia fatto con aerografo per creare una luce particolare:
https://www.youtube.com/watch?v=InsiluGC8mQ

Grazie. 

Utente disattivato
#265728 07.04.2017 21:36
Benvenuto ! Purtroppo in questo forum son rimasti solo pochi utenti e non so quando e se potranno esserti di aiuto! Io conosco poco gli acrilici, ma da quel che ho letto , con un po di pratica ci puoi fare un po di tutto . I link che hai postato non si aprono ,in ogni modo oltre agli acrilici su superfice cartacea ( e per illustrazione) dovrebbe andar molto bene anche il gouache anzi il gouache consente molta precisione anche lavorando in piccolo ed e' un mezzo meno complicato perche' non e' irreversibile cioe' non ti secca il pennello come fa l' acrilico. In ogni caso richiedono entrambi un po di controllo e pratica.Per l' acrilico e' consigliabile una tavolozza umidificata, perche' non secchi troppo il colore spremuto... ( su you tube dovresti trovare qualche informazione se non ne sei gia ' informato) Mi spiace ma non essendo espertissimo di tecniche all' acqua ,non posso esserti di gran aiuto ...
Utente disattivato
#265729 07.04.2017 23:49

Ho inserito nuovamente i link con lo strumento del forum, adesso dovrebbero aprirsi cliccandoci sopra.

Comunque, il fatto è che con le matite colorate ho limitazioni sia di tempo che di tonalità, però è l'unico strumento che riesco a controllare, con i pennelli non ci so fare molto.

Adesso ci sono in circolazione una serie di tecniche e medium per agevolare l'utilizzo delle matite colorate (ad esempio per velocizzare le campiture o per rendere il colore più compatto come se fosse pittura) ma in alcuni casi si è vincolati dal tipo di carta (io prediligo la carta liscia che non sempre è adatta). 

Vorrei cercare di capire se continuare sulla strada dei colori a matita, perfezionando la tecnica per ottenere i risultati che cerco, oppure spostarmi su tecniche pittoriche come fa la maggior parte. C'è anche un po' di discriminazione verso le matite colorate.

Avevo chiesto aiuto anche su un altro forum ma, come qui, è ormai frequentato da pochissimi.

#265730 08.04.2017 09:59

Ciao e benvenuto.
Io dipingo ad olio, quindi non sono sicuramente la persona che puo' consigliarti al meglio, ma mi viene da dire che puoi senza dubbio utilizzare gli acrilici nella maniera in cui spieghi, ossia lavorare per strati sottili fino ad ottenere la consistenza che desideri.

Esistono dei grandissimi artisti che usano solo acrilici, uno di questi e' Andrew Tift, artista inglese che stimo particolarmente (guarda anche il suo blog).

Mi sembra di vedere che l'acrilico sia piu' visibile nell'ultimo video che hai postato, dove il colore e' molto piu' denso e coprente.
Se fossi in te cercherei di spostarmi sulle tecniche pittoriche piuttosto che rimanere solamente nell'ambito delle matite colorate.
Non hai che da guadagnarci, o no? Nel senso che imparare qualcosa di nuovo e' sempre un allargamento della conoscenza che necessariamente ti portera' ad una maturazione artistica.

Per quanto riguarda l'ecoline ovviamente la differenza sostanziale e' la trasparenza rispetto all'acrilico.
Dipende sempre molto da come immagini il pezzo finito, se appunto desideri un lavoro 'leggero' e trasparente in cui il punto di luce viene particolarmente dato dal foglio o un pezzo in cui la pittura e' coprente ed opaca (come nel caso degli acrilici).

Ad esempio Federici prima del quadro fa uno splendido disegno a matita che poi coprira' del tutto durante la fase pittorica.
E' necessario? Sicuramente per lui si!
Stessa cosa per l'ecoline. Sono necessarie? Si per lui...ma per te?
E' qualcosa che devi capire da te facendo delle prove.

Ad esempio io (eccetto gli ultimi quadri degli ultimi anni) non ho mai fatto una grisaglia in vita mia. Mentre per altri e' fondamentale. Una cosa sicura e' che non e' fondamentale per ottenere un quadro, ossia uno deve trovare il metodo che gli e' piu' congeniale e questo lo si fa solo se si sperimenta....quindi direi prova! 

#265732 08.04.2017 12:14

ma sai che secondo me la soluzione al tuo problema potrebbero essere le matite colorate acquerellabili?
Federici pare avere una tecnica molto "acquerellata" con l'acrilico..

tu hai più confidenza con le matite.. prova!
per questo tipo di risultati dovresti dare un'occhiata alle derwent Inktense (che non hanno pigmento trattato come acquerello ma come inchiostro).

Utente disattivato
#265734 08.04.2017 13:21

Non lo so...ho provato una sola volta ad acquerellare le matite, con risultati insoddisfacenti. Un po' perchè già con il pennello non me la cavo bene, un po' perchè con acquerello (o ecoline che siano) non riesco ad avere il controllo e non so gestire tutta quell'acqua.

Mi era venuto in mente di fare, magari, il colore di base leggero e piatto con gli acquerelli e poi fare il resto sopra con le matite (fino ad ora la base leggera l'ho sempre fatta a matita ma quando la campitura è grande cadono le braccia, poi io sono anche minuzioso e cerco di farla più uniforme possibile quindi prende troppo tempo) però sono titubante.

In alternativa, adesso è diffusa la tecnica di "sfumare" le matite (solo quelle non acquerellabili) con paint thinner o odorless mineral spirit (li scrivo in inglese perchè in italiano non so come chiamarli, in teoria dovrebbe essere acqua ragia ma non penso che quelli che sfruttano questa tecnica usino semplice acqua ragia) che sciolgono proprio il colore e lo rendono compatto come se fosse dipinto.

 

https://www.youtube.com/watch?v=bt237UH5kH0 Qui ad esempio, nei commenti dice di non aver usato ecoline quindi deduco che siano acrilici, molto diluiti con acqua, con i quali riesce a dare comunque l'effetto di trasparenza. Dove serve poi ritorna sopra, con meno acqua, per scurire.

Mi sembra che gli acrilici diluiti siano più facilmente controllabili rispetto a ecoline o acquerelli.

Alla fine, come lavoro adesso con le matite e come vorrei lavorare, se possibile, con gli acrilici è come si vede ad esempio nel primo video per la mantella blu della ragazza, dove stende quella base leggera e poi ritorna sopra con tono più scuro per il panneggio. Poi, con l'acrilico, quando serve lo userei più corposo come nella balaustra del primo video o negli altri dove lo usa per dipingere normalmente oppure più in trasparenza come nel video qui sopra. Però non vorrei ottenere qualcosa di troppo corposo e materico.

In ogni caso dovrei provare tutto per la prima volta e chiedevo per essere sicuro della possibilità di questo utilizzo prima di spendere soldi in materiale.

 

Utente disattivato
#265735 08.04.2017 14:05
Potresti prendere solo il bianco e il nero, una volta sperimentati alcuni disegni se te la sentirai aggiungerai gradualmente qualche colore in piu.Penso che con 2 pennelli sintetici( uno piatto del 6 uno tondo del 3)+ uno tondo del 3 di martora potresti cimentatri con il colore acrilico. Ultima cosa ,spruzzare del fissativo sul disegno finito prima di dipingere. Come ti consigliava Maurizio, per evolvere e' necessario provare e riprovare
#265736 08.04.2017 16:04

Golden Highflow.

 

buon lavoroaf

Utente disattivato
#265737 08.04.2017 16:16
Si potrebbe anche pensare di fare la base leggera di acrilico e poi lavorarci sopra con le matite colorate? Comunque, qualcuno saprebbe indirizzarmi verso una marca di acrilici con cui poter iniziare (ad esempio io a casa ho un tubo di maimeri acrilico, terra d'ombra bruciata)? Poi una domanda ignorante, tutti gli acrilici sono diluibili con acqua "tranquillamente"? Perché su un sito di belle arti, leggendo le descrizioni di diversi tipi di acrilici, in una si faceva proprio riferimento al fatto che fossero diluibili in acqua, mentre per gli altri non vi era riportato niente a riguardo. Mi è sorto il dubbio.
#265755 09.04.2017 11:56

Ciao animusi, gli acrilici sono tutti diluibili con acqua , ora a differenza di anni fa hai tante possibilità in più perchè oltre a quelli tradizionali in tubo o in vaso ve ne sono anche fluidi , sia Golden che Liquitex , e poi ci sono i pennarelli acrilici con pigmento e tanti altri prodotti. Dai video che ho guardato mi è venuto in mente per le parti trasparenti l'acquarello che è meglio dell'Ecoline fatto con coloranti e quindi non stabile alla luce. Si può anche diluire molto un acrilico tradizionale con acqua e ottenere un effetto acquarello o aggiungere qualche goccia di resina acrilica all'acquarello per renderlo più resistente, insomma le possibilità sono tante e secondo me dovresti provarne diverse fino a trovare la tecnica a te più congeniale.

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved