Login
pagina 1 di 24

"La TOP100 degli artisti maggiormente collezionati al mondo"

Gallerie, Aste, Mercato - Aperto da: Lorenzo - 30.09.2014 10:44
post visto 33480 volte
#258221 30.09.2014 10:44

La TOP100 degli artisti maggiormente collezionati al mondo!!

...Ma voi su 100 quanti ne conoscete?

Artnet da pochi giorni a pubblicato online la TOP100 degli artisti maggiormente collezionati, l'elenco definitivo di quello che viene fuori dal magico mondo delle aste.

Artnet possiede il più grande e completo database online dei prezzi per la vendita di opere d'arte.

Esaminando i risultati di vendita delle case d'asta di tutto il mondo nel corso degli ultimi quattro anni, il periodo post-recessione, hanno stilato due liste che si intersecano.

Il primo elenco mostra i 100 migliori artisti viventi ordinati per valore totale delle vendite, il secondo presenta invece i primi 100 lotti di artisti viventi, ordinati per prezzo.

Volete fare un gioco?  Voi su 100 quanti ne conoscete?

 

 

#258222 01.10.2014 10:34

Suvvia, movimentiamo un pò questi forum...

dunque, io direi che - a parte i cinesi che sono sorprendentemente numerosi - gli altri son tutti artisti famosi.

Potrà stupire che siano prevalentemente artisti degli ultimi 20 anni, ma del resto non è che ci siano molti Tintoretto, Bruegel o Manet in giro...aj

#258223 01.10.2014 11:45

Io dire che è l'ennesima dimostrazione che oramai quello che conta è la pubblicità...

 

I collezionisti si prestano a questo gioco perché come ben sappiamo hanno interessi nell'acquisto e nella vendita, e sono da emulo per le masse di polli da spennare che seguiranno i pessimi consigli per gli acquisti proposti...

 

zr

#258225 01.10.2014 12:08

La pubblicità conta perlomeno da sessant'anni buoni, ce l'hanno insegnato gli ammerigani.
L'arte, da sempre, è anche un prodotto, un bene di consumo (o perlomeno da quando esiste la società dei consumi), quindi non vedo perchè dovrebbe esulare da tale meccanismo.
Polli da spennare, mica tanto, un quadro di Peter Doig costa sicuramente più di un abito di Yves Saint Laurent (che dopo due anni lo butti), ma meno di una Ferrari e se tutto va come deve andare fra dieci anni costerà perlomeno il doppio.
E poi chi ha tutti quei soldi da spendere mica si fa tutti questi problemi: se è un buon investimento bene, se no chissene...
Le masse manco sanno chi sia Peter Doig, e sono convinto che non lo sa neanche il 99% degli utenti di EQ, quindi non vedo cosa dovrebbero emulare e come dovrebbero essere spennati.

#258226 01.10.2014 13:40

Come sempre facciamo riferimento a un mondo che riguarda lo 0,3 o 0,4 % della popolazione mondiale ...

bella schiavitù che si crea..

 

zr

#258227 01.10.2014 13:44

Domenico, capisco il tuo punto di vista, ma il termine schiavitù - visto come vanno le cose nel mondo, di questi tempi - mi pare un tantino sproporzionato per la circostanza.

#258228 01.10.2014 18:50

Cioè queste classifiche le trovo un poco delle fanfaronate utili a far parlare, ma se le confronti vedi che da un anno all'altro cambiano molto, spesso senza tanta logica, il discorso sui collezionisti è che non sono collezionisti ma affaristi che giustamente fanno azioni "speculative" per non parlare delle aste, ancora più finte e pilotate, vedi sul mio profilo su fb l'ultimo articolo di Plus sull'invenduto (molto parziale), per cui mi domando se ha senso fare riferimento a questi dati così parziali e poco realistici, poi va bene per far de chiacchiere da bar, ma è proprio tanta fuffa ... 

 

ecco l'articolo 

zr

#258229 01.10.2014 23:05

I meccanismi sono noti a chiunque abbia confidenza con l'argomento.
Se ne parla in modo dettagliato nel libro 'Lo squalo da un milione di dollari' - Donald Thompson, Mondadori, 2009 - e che immagino anche tu avrai letto.
Sono cose delle quali non mi sono mai interessato e alle quali ho sempre dato un peso assai relativo, come dimostrano i commenti che ho scritto in questi anni su EQ.
Ho sempre evitato di prenderle in considerazione, cosa che invece non si può dire di te o di altri, che poi ci sputano sopra. Evidentemente a molti piace il pour parler.

#258230 03.10.2014 17:50

Sono cose delle quali non mi sono mai interessato e alle quali ho sempre dato un peso assai relativo, come dimostrano i commenti che ho scritto in questi anni su EQ.
Ho sempre evitato di prenderle in considerazione, cosa che invece non si può dire di te o di altri, che poi ci sputano sopra. Evidentemente a molti piace il pour parler.

concordo con Domenico e non vedo il motivo per cui uno come Querci al quale non gliene frega un cazzo di niente perché ogni volta che si va sullo specifico dell'arte contemporanea diventano GLI ALTRI dei tipi da bar che sputano.

Tacere no?

Non te ne frega, non ti interessi, a noi piace conoscere la realtà delle cose, piantala di dire sciocchezze.

Avevi già preso un abbaglio parlando della pubblicità.

era chiaro che il fare pubblicità è relativo a quel piccolo mondo 0,3 0,4 e cosa può fare più pubblicità di una bella vendita da record?

Non si parla del mondo in cui viviamo noi tutti i giorni, ma visto che comunque ne siamo contaminati ( vedi Querci ) è giusto sapere come funziona.

 

Mi è piaciuta di Domenico la visione chiara e lucida delle aste. :)

 

#258232 03.10.2014 20:59

Avevi già preso un abbaglio parlando della pubblicità.

era chiaro che il fare pubblicità è relativo a quel piccolo mondo 0,3 0,4 e cosa può fare più pubblicità di una bella vendita da record?

Sinceramente non ho capito cosa tu voglia dire

Conosci Peter Doig?

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved