Login
pagina 2 di 8

"Artemisia Gentileschi"

TV - Aperto da: Augusto - 29.04.2007 18:09
post visto 13460 volte
#74561 29.04.2007 23:55
cazzo sentite,,,in diretta ora al sign,A.B.Oliva,,,
nic
#74631 30.04.2007 08:13
:-( ho appreso da augusto del film in programmazione, ma dopo mezz'ora mi sono addormentata...cavoli...qualcuno lo ha registrato??
Utente disattivato
#74632 30.04.2007 08:35
A me è piaciuto il film, solo che speravo andasse oltre nel tempo la storia: al periodo in cui Artemisia si allontanò dalla casa paterna, invece lì finisce.

#74633 30.04.2007 09:19
Non ho visto il film, ma consiglio il libro della Vreeland "la passione di Artemisia", splendido esaustivo della vita di un'artista donna, dotatissima tecnicamente, ma vista con imbarazzato disprezzo dalla chiesa romana e dalla borghesia più bigotta del suo tempo.
#74634 30.04.2007 09:20
salve sono Nun-Sia Gentil-Esca;)
scusate...mi automettoincastigofaccialamuroeginocchiasuiceci
#74635 30.04.2007 09:33
un pò pesantuccio come film....!
Utente disattivato
#74636 30.04.2007 09:37
Ciao nun-Sia Mai ;-)

Sì, Artistica, so del libro che leggerò appena possibile. Il film rende bene l'ambiente in cui visse (non fu accettata all'Accademia nonostante la sua indiscussa bravura solo perchè donna), il rapporto col padre, il pittore Tassi, ecc....

Il confronto libro-film è sempre interessante, di solito mi piacciono più i libri, ma avendo visto prima il film posso dire che mi sembra fatto bene. Efficaci le espressioni del volto della attrice/pittrice che di notte, alla luce della candela, cerca di ricordare le immagini viste di giorno, i corpi in particolare, i nudi che osservava e disegnava di nascosto per studiarne l'anatomia, cosa che alle donne era vietata.
#74654 30.04.2007 11:34 (Modified: 30.04.2007 11:36 by Augusto)
......molto bello il film.....solo che si concentra solamente all'inizio della sua carriera artistica caratterizzata dalle sue prime esperienze oltre che pittoriche e sentimentali anche quelle di vita con tutte le problematiche del tempo, chiesa.....borghesia e l'essere donna.......peccato che il racconto si ferma .... come dice anche Magda....al momento che lei sceglie di lasciare Roma e andare a Firenze per iniziare la sua vera attività artistica .....non ci resta che sperare che il film abbia un suo prosieguo ....altrimenti come ci consiglia giustamente Francesco (artistica) .....ci conviene acquistare il libro della Vreeland e leggersi tutta la sua vita .
Utente disattivato
#74677 30.04.2007 12:28
MMMah! a parte che mi pare che non rispecchi la biografia storica...un film squalliduccio.

Il regista mi sembra che non intendesse dare risalto alla levatura artistica che compete alla Gentil Misia, ma ne ha fatto un ritratto di un adolescente per molti versi stupidotta attatta unicamente a scoprire il mondo del sesso opposto (come qualsiasi adolescente popolana) in un mondo bigotto, vessatorio è fortemente maschilista.
Utente disattivato
#74681 30.04.2007 12:39
Sì, Diogene, ma le "popolane stupidotte" non disegnavano e non non studiavano l'anatomia "rubando" il tempo e il modo per poter fare ciò alla notte e ai sotterfugi.

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved